Terapie con onde d’urto

disfunzioni erettili

La terapia e la prevenzione della disfunzione erettile (DE) è possibile con le onde d’urto lineari a bassa intensità (Liswt Renova). Recentemente è entrata nella pratica clinica la terapia della disfunzione erettile (DE) con onde d’urto (shockwaves) lineari a bassa intensità. Si tratta della più grande rivoluzione dall’introduzione del Viagra in grado di prevenire e guarire la disfunzione erettile (DE), o consentire, nelle forme più gravi, che non rispondono ai farmaci orali o per iniezione intracavernosa, di rispondere alle terapie più semplici.

Il dott. Antonio Casarico, Medico Chirurgo Specialista in Urologia e Andrologia, effettua negli studi di Genova, Sanremo e Vigevano terapie a onde d’urto per la prevenzione e terapia della disfunzione erettile (DE) 

Terapia d’urto

Le onde d’urto a bassa intensità (LISWT), o terapia d’urto volgarmente definita, stimolano nel tessuto trattato la creazione di nuove reti di vasi sanguigni. Il processo, chiamato neoangiogenesi, conduce alla formazione di un nuovo sistema vascolare negli organi esposti alle onde d’urto. La terapia oltre a migliorare la vascolarizzazione del cuore è efficace anche per il pene. Infatti l’80% dei casi di disfunzione erettile hanno una causa vascolare. Se le Onde d’Urto Lineari a Bassa Intensità sono applicate ai corpi cavernosi del pene ne rigenerano il tessuto vascolare aumentando l’afflusso di sangue al tessuto erettile e consentendo il raggiungimento e il mantenimento di una piena erezione.

Cosa sono le onde d’urto (Shockwaves)

Le onde d’urto hanno due rilevanti caratteristiche: trasportano energia e possono propagarsi in un mezzo. Esse sono la sequenza di singoli impulsi di energia acustica che si propaga a velocità supersonica in un mezzo liquido (1500m/sec nell’acqua) o gassoso e sono caratterizzate da una rapida salita di un picco di pressione positiva (<10 nanosecondi), un elevato picco pressorio (100 MPa), ed un corto ciclo di vita (10 microseconds).

Cosa sappiamo degli effetti biologici delle onde d’urto?

Quando sono indirizzate in maniera non invasiva su un organo o un tessuto l’energia crea un carico di pressione elevata che colpisce solo l’area mirata. Malgrado non sia ancora completamente delucidato il meccanismo d’azione biologica, si teorizza che il tessuto venga prima compresso, per la pressione positiva derivante dall’energia che è trasportata dall’onda d’urto, e poi si espanda per le intrinseche proprietà di tensione. Nishida descrisse questo fenomeno con il termine cavitazione perché ricordava un violento collasso di microscopiche bolle.

leggi tutto
Poiché le forze fisiche generate dalla cavitazione sono molto localizzate si pensa che le onde d’urto inducano uno stress localizzato sulla membrana delle cellule nella stessa maniera in cui lo shear stress colpisce le membrane delle cellule endoteliali.
Questo shear stress innesca successivamente una catena di eventi che provocano il rilascio di fattori angiogenetici (incremento di NO per maggior attività della ossidonitrico sintetasi endoteliale e neuronale, fattore di crescita piastrinico, fattore di crescita vascolare endoteliale [VEGF]). Inoltre le onde d’urto causano l’iperpolarizzazione della membrana cellulare, attivazione della via RAS, sintesi non enzimatica di NO ed induzione di fibre da stress e giunzioni intercellulari.

Storia ed evoluzione delle terapie con onde d’urto

I risultati delle sperimentazioni, iniziate più di 15 anni fa sugli animali, e proseguite poi sull’uomo, hanno fornito l’evidenza che le onde d’urto a bassa intensità (LISWT) stimolano nel tessuto trattato la creazione di nuove reti di vasi sanguigni. Il processo, chiamato neoangiogenesi, conduce alla formazione di un nuovo sistema vascolare negli organi esposti alle onde d’urto. La terapia con onde d’urto è stata studiata ed utilizzata da decenni in molti campi della medicina. Le onde d’urto ad alta intensità sono usate per la frantumazione dei calcoli. Le onde a media intensità, grazie alle proprietà antiinfiammatorie, sono utilizzate per curare una vasta schiera di condizioni ortopediche come fratture scomposte, tendiniti e borsiti. Le onde d’urto a bassa intensità, che hanno la proprietà di rigenerare il sistema vascolare, sono usate nel trattamento delle ferite croniche, delle neuropatie periferiche e per indurre la rigenerazione dei piccoli vasi coronarici del cuore in pazienti che soffrono di angina e non possono essere sottoposti a chirurgia coronarica o all’angioplastica.

La terapia migliora la vascolarizzazione del cuore ed è efficace anche per il pene. Infatti l’80% dei casi di disfunzione erettile hanno una causa vascolare. Se le Onde d’Urto Lineari a Bassa Intensità sono applicate ai corpi cavernosi del pene ne rigenerano il tessuto vascolare aumentando l’afflusso di sangue al tessuto erettile e consentendo il raggiungimento e il mantenimento di una piena erezione.

La rivoluzione della terapia ad onde d’urto

Le terapie non chirurgiche attuali della disfunzione erettile (DE) consistono principalmente nei farmaci orali (inibitori delle fosfodiesterasi tipo 5: sildenafil, vardenafil, tadalafil, avanafil) e/o dispositivi per erezione sotto vuoto (vacuum devices) e/o nell’iniezione nei corpi cavernosi del pene di vasodilatatori. Sono terapie molto efficaci e ragionevolmente sicure, con rari effetti collaterali indesiderati. Tutte condividono alcuni inconvenienti maggiori: esse non modificano la fisiopatologia del meccanismo erettivo.

La via di somministrazione è sicuramente spiacevole per le iniezioni. Tutte queste terapie devono essere assunte generalmente a richiesta, prima dell’interazione sessuale, ed il loro effetto è limitato nel tempo. Spesso funzionano per un solo incontro sessuale alla volta. Sono una terapia sintomatica e comportano, a volte, effetti collaterali spiacevoli e, conseguentemente, una scarsa aderenza alla terapia. 

leggi tutto

Queste limitazioni sono esaltate dal fatto che la terapia è diretta verso una funzione biologica strettamente connessa alla sfera del piacere piuttosto che ad una malattia che metta in pericolo la vita. Per alcuni farmaci orali è possibile la somministrazione giornaliera (invece che a richiesta).

Questo risolve alcuni di questi problemi ma, come per tutte queste forme di terapia non vengono modificate le alterazioni del meccanismo erettivo.

Attualmente solo a pochi maschi con disfunzione erettile DE può essere offerta una terapia che sia in grado di rigenerare la funzione erettiva spontanea. La maggioranza dei pazienti con DE deve continuare a praticare la propria terapia per mantenere la funzione sessuale. La terapia con onde d’urto che è possibile eseguire nello studio di Genova del dr. Antonio Casarico è diversa in quanto è diretta a rigenerare il meccanismo erettile in modo da far sì che i pazienti possano avere erezioni spontanee. Gli studi sino ad ora eseguiti hanno dimostrato che le onde d’urto a bassa intensità (LISW) possono aiutare sia i maschi con disfunzione erettile che rispondono ai farmaci orali sia i maschi che soffrono di disfunzione erettile talmente grave da non consentire la risposta alla terapia con i farmaci orali.

L’attrazione potenziale della terapia ad onde d’urto consta nel fatto che, a differenza delle terapie attualmente utilizzate, che sono solo sintomatiche, palliative ed utilizzate a richiesta, le onde d’urto mirano a ripristinare il meccanismo erettivo ed a guarire la disfunzione erettile consentendo di avere erezioni naturali e spontanee. La terapia permette potenzialmente di tornare ad una condizione di normalità, dove non vi è bisogno di usare farmaci. Nel caso che si debbano ancora usare i farmaci probabilmente si otterrà da essi un risultato migliore.

Inoltre la LISW può servire a quei pazienti che presentano controindicazioni all’uso dei farmaci orali o dei farmaci iniettivi, che resterebbero senza alcuna possibilità terapeutica non chirurgica.

Prevenire la disfunzione erettile

Un settore finora inesplorato che presenta prospettive di utilizzo molto interessanti è quello dei pazienti “a rischio” (per età, stili di vita, sovrappeso, sedentarietà, fumo, presenza di ipertensione, dislipidemia o diabete) e/o soggetti che iniziano a presentare qualche lieve segno premonitore della disfunzione erettile: erezioni più difficoltose da ottenere o da mantenere, (ma pur sempre sufficienti), necessità di maggiori stimoli eccitatori per ottenere l’erezione, minore rigidità in erezione.

Si tratta di soggetti che non hanno ancora bisogno di terapia ma che, probabilmente, svilupperanno nel tempo la disfunzione erettile.

Verosimilmente il trattamento con onde d’urto potrebbe avere in questi pazienti un ruolo “preventivo”, riportando a condizioni ottimali la vascolarizzazione dei loro corpi cavernosi.”

STUDIO GENOVA

010 567110
010 566998
Piazza della Vittoria 14/9 - 16129 Genova (GE)

STUDIO SANREMO

0184 507982
Via Gioberti, 3 - 18038 Sanremo (IM)

c/o Istituto Clinico Beato Matteo - Urologia

0381 301375
Corso Pavia, 84 - 27029 Vigevano (PV)

Call Now ButtonChiama Ora